Come fare una pastiera di grano senza strutto e con crema di ricotta leggera?

Aprile 8, 2024

La pastiera è una delle torte più famose e apprezzate della tradizione culinaria napoletana. Si tratta di un dolce molto particolare, sia per la sua preparazione che per l’unicità dei suoi ingredienti. In questa guida, vi spiegheremo come fare una pastiera di grano senza strutto e con una crema di ricotta leggera, per un risultato altrettanto gustoso ma più digeribile.

La storia della pastiera: un dolce dalla tradizione napoletana

La pastiera napoletana è una torta antica, le cui origini si perdono nella notte dei tempi. Si ritiene che sia nata come offerta agli dei pagani, durante le feste di primavera. Col passare del tempo, è diventata uno dei dolci più rappresentativi delle festività pasquali in Campania.

Dans le meme genre : Come cucinare il baccalà in umido con olive taggiasche e capperi?

La ricetta tradizionale prevede l’uso di strutto nella preparazione della pasta frolla e l’impiego di ricotta di pecora nel ripieno. Tuttavia, esistono numerose varianti di questa torta, che si adattano alle diverse esigenze e ai gusti personali dei consumatori.

Come sostituire lo strutto nella preparazione della pastiera?

Lo strutto è un grasso animale che conferisce alla pasta frolla una struttura friabile e un sapore particolare. In alcune varianti della pastiera, però, viene sostituito con altro tipo di grasso, per renderla più leggera o adatta a chi segue una dieta vegetariana.

A lire en complément : Come si fa un risotto ai frutti di bosco con prosecco e menta fresca?

Per la vostra pastiera senza strutto, potete utilizzare il burro, che darà alla pasta frolla una consistenza morbida e un sapore delicato. Per una pasta frolla da 500 grammi, avrete bisogno di circa 200 grammi di burro, 300 grammi di farina, 100 grammi di zucchero, la buccia grattugiata di un limone e 2 uova.

La preparazione del grano per la pastiera

L’ingrediente protagonista della pastiera è il grano, che deve essere cotto a lungo con il latte e aromatizzato con la scorza di limone. Questo passaggio è fondamentale per ottenere un ripieno morbido e saporito.

Per preparare il grano, avrete bisogno di 250 grammi di grano per pastiera, 500 ml di latte, la buccia di un limone e un pizzico di sale. Portate il grano a ebollizione con il latte e la buccia di limone, poi abbassate la fiamma e lasciatelo cuocere per circa 2 ore, finché il latte non sarà completamente assorbito.

Come preparare una crema di ricotta leggera per la pastiera?

La crema di ricotta è l’altro elemento fondamentale della pastiera. Tradizionalmente, si utilizza la ricotta di pecora, ma per una versione più leggera della torta, potete optare per la ricotta di vacca.

Per la crema di ricotta, avrete bisogno di 500 grammi di ricotta, 250 grammi di zucchero, 4 uova, la buccia grattugiata di un limone e una bustina di vanillina. Mescolate la ricotta con lo zucchero, poi aggiungete le uova, la buccia di limone e la vanillina e lavorate il tutto fino a ottenere una crema liscia e omogenea.

L’assemblaggio e la cottura della pastiera senza strutto

Una volta preparati la pasta frolla, il grano e la crema di ricotta, potete procedere all’assemblaggio della pastiera. Stendete due terzi della pasta frolla in una tortiera di 26 cm di diametro, poi distribuite il grano e ricopritelo con la crema di ricotta. Infine, con la pasta rimasta, create delle strisce da disporre a grata sulla torta.

Cuocete la pastiera in forno preriscaldato a 180°C per circa 1 ora e mezza, finché la superficie non sarà dorata. Una volta cotta, lasciatela raffreddare completamente prima di servirla. Ricordate che la pastiera è un dolce che migliora con il riposo: è consigliabile prepararla almeno uno o due giorni prima di consumarla.

L’importanza dei fiori d’arancio nella pastiera: come prepararli?

In una vera pastiera napoletana, non può mancare l’acqua di fiori d’arancio, che conferisce al dolce un aroma caratteristico e irresistibile. Questo elemento, però, può essere difficile da reperire o sostituire, poiché non esistono aromi artificiali in grado di replicare il suo profumo unico.

Per preparare l’acqua di fiori d’arancio, avrete bisogno di circa 10 fiori d’arancio freschi e di 100 ml di acqua. Rimuovete delicatamente i petali dai fiori, poi metteteli in un pentolino con l’acqua e portate a ebollizione. Lasciate il tutto a infusione per circa 30 minuti, poi filtrate l’acqua e lasciatela raffreddare. Questa acqua andrà aggiunta alla crema di ricotta, per aromatizzarla.

Se non riuscite a reperire i fiori d’arancio, potete sostituire l’acqua di fiori con la scorza grattugiata di un’arancia, che darà alla pastiera un aroma simile, seppur meno intenso. Ricordate, però, che l’acqua di fiori d’arancio è un elemento fondamentale della pastiera napoletana e che, se possibile, è preferibile utilizzarla.

La crema di grano: uno degli elementi fondamentali della pastiera

La pastiera è un dolce ricco e complesso, che richiede diversi passaggi per la sua preparazione. Uno di questi è la crema di grano, che si ottiene mescolando il grano cotto con la crema pasticcera.

Per preparare la crema di grano, avrete bisogno di 500 ml di latte, 4 tuorli d’uovo, 100 grammi di zucchero, un baccello di vaniglia e un pizzico di sale. Prima di tutto, dovete preparare la crema pasticcera: mescolate i tuorli con lo zucchero, aggiungete il latte e la vaniglia e cuocete il tutto a fuoco medio, mescolando continuamente, fino a ottenere una crema densa. Infine, unite il grano cotto alla crema pasticcera, mescolate bene e lasciate raffreddare.

La crema di grano andrà poi aggiunta alla crema di ricotta, per creare il ripieno della pastiera. Ricordate, però, che la pastiera è un dolce che richiede tempo e pazienza: è importante non affrettare i passaggi e lasciare che i sapori si mescolino e si intensifichino.

Conclusioni: come fare una pastiera di grano senza strutto e con crema di ricotta leggera?

Preparare una pastiera senza strutto e con una crema di ricotta leggera non è un compito semplice, ma con pazienza e cura dei dettagli, è possibile ottenere un risultato ugualmente gustoso e più leggero rispetto alla versione tradizionale.

Il trucco sta nel sostituire lo strutto con il burro, per una pasta frolla più morbida, e nell’usare la ricotta di vacca, più leggera di quella di pecora. Ma la vera magia della pastiera sta negli ingredienti unici come il grano cotto, l’acqua di fiori d’arancio e la crema di grano, che le conferiscono un sapore e un profumo inconfondibili.

Ricordatevi, infine, che la pastiera è un dolce che migliora con il riposo: è consigliabile prepararla almeno uno o due giorni prima di consumarla, per lasciare che i sapori si mescolino e si intensifichino. Buona pastiera a tutti!